Sede Legale INWA, progetti in itinere e collaborazioni.

Sono in corso i preparativi per l’inaugurazione della sede di INWA, alla quale saranno invitati tutti i soci ed i simpatizzanti.

L’associazione, presieduta dal criminologo dott. Francesco Caccetta, che si occupa di ricerca, studio e formazione nell’ambito della Sicurezza Urbana e Partecipata, ha appena presentato un importante ricerca sulla percezione del rischio da parte dei titolari e dipendenti degli esercizi pubblici, al fine di sviluppare una strategia di Controllo di Vicinato per i commercianti con basi scientifiche.

Si evidenzia la consolidata collaborazione con il Centro Studi per la Legalità, la Sicurezza e la Giustizia (CSLSG) di Marco Strano e il doppio binario di Ricerca nell’ambito della percezione del crimine e la partnership con ANCDV Associazione Nazionale Controllo di Vicinato, presieduta da Leonardo Campanale.

Seguite questo sito per conoscere le novità sulla delicata materia del Controllo di Vicinato, spesso trattata da improvvisatori, che potrebbero davvero cambiare la percezione del crimine e migliorare le condizioni di lavoro in Sicurezza dei commercianti.

nuova sede inwa

Annunci

Le Siepi in giardino: Privacy VS Sicurezza

maxresdefault

Qualsiasi barriera posta tra un obiettivo e la visuale degli operatori delle Forze di Polizia e dei cittadini è sempre un problema di Sicurezza. La precauzione andrebbe presa dai singoli cittadini, al fine di rendere le loro pertinenze più visibili. La Sicurezza è sempre un compromesso con la privacy ma la prima deve sempre prevalere. Rendete le vostre case ispezionabili agli occhi delle Forze dell’Ordine e illuminate le vostre abitazioni con sensori o interruttori crepuscolari. Tagliate le siepi e preferibilmente mettete piante urticanti o ungulate mantenendole basse. Creano problemi ai ladri che per scavalcarle debbono rischiare di pungersi e permettono alle Forze di Polizia ed ai vicini di vedere la vostra casa. I delinquenti prediligono sempre zone buie dove nascondersi dagli occhi di tutti. Una zona ben illuminata e facilmente visibile dalla pubblica via è sempre un ottimo deterrente. Meglio ancora se associata ad un programma di controllo del vicinato. #cdv @francescocc @inwacdv @controllodivicinato   www.inwa.it

The Gypsy code, or Gypsies’ code

From the book: “Opportunity Suits the Thief” Francesco Caccetta, English edition 2015

l43-segni-zingari-citofoni-131016185307_medium

It’s a habit, by now: as soon as a critical economic stage gets impending, early fears are back. It is frequently noticed, as a matter of facts, that many people use to call the Police just to report about strange scribbles on a street lamp, on a tree, rather than on a wall nearby their homes. Scribbles that have nothing to do with the cyclostyled ones, filling up the web, or long since spread by parishes as leaflets, the so-called Gypsies’ code, although a so much enlarged worry pervading our communities leads to an even excessive upset. The Gypsy code, or Gypsies’ code, is quite available to find, by surfing the internet, through any picture gallery shown by a search engine –many reliable experts have dealt with this matter – and yet it really stands as an obsymorus, so that indeed we can call it a “true-lie”, fibs told as truth. Though in time these scribbles were widely shown as wrongly-connected with the Gypsies, many people, even properly worried about cyclical waves of thefts all over the country, have somehow suffered some dark charm by the questioned symbols, sometimes disregarding the common shrewdness to follow not to be robbed. In my opinion, since its wide European spread, this leaflet someway reminds us the famous pamphlet “The early wise of Zion”, lately come up again by Daniel Pipe, whose spread for ages couldn’t have been stopped, nor the wide willingness of many to behold that book as reliable. So, the spread and some willingness to believe that the mysterious leaflet showing a supposed Gypsy code could be someway reliable is likely due to some legacy which features our deepest vision of a different ethnic group. The Gypsies are known to be nomadic, hardly tied to a particular land or its people, even if their presence has all along been mixed to ours; they are bringers of mysterious, secret stories, somehow coloured with some occultism and magic, which feeds common fantasies and helps spread fears, besides a sort of discrimination sense, that however doesn’t fit any longed-for security perception. The root of this symbols is anyhow linked up with the wanderings’ language, and dates from the early 20s in the XIX century, when, because of a deep recession the number of no fixed abode people, roaming through the nations, had a conspicuous increase, and touched a considerable quantity. It’s now easy to guess why the Hobos’ language (Hobo is how the Americans used to name the vagabonds) was to hide some shared, survival code,through even a conventional alphabet, meant to inform who would come later about the possible availability of a country, or a town, or maybe a single house to be a good host, or otherwise meant to beware of a hostile place. The questioned leaflet, as turned by the Leviathan of the perceived insecurity into a Gypsies’ secret code, has probably arrived in Italy, with its odd scribbles roughly alike the symbols that still go round the web, about 40 years ago; roughly alike, except for some details lately cropped up. It’s hard to say how, but the effect was explosive: nearly all believe that code to be real, and ascribe it to the Gypsies, although an apparent lack of congruence. I defy anyone not to have ever heard a friend being sure to have noticed one of those scribbles on an entryphone, rather than on a neighbour’s boundary wall… To have helped a further spread of the questioned leaflet we ought to admit an even excessive zeal, as for some policemen, who thought, in good faith, to serve the community, by supporting somehow the authenticity of that false code. The symbols list shows anyway a certain inconsistency; I’m now going to quote a few contradictions, just to highlight how unlike they are. We can see, for instance, the symbol III (like a 3 in Roman numerals) pretending to mean “keep off this municipality”, but it seems it was carved on some entryphones, while it should have been found elsewhere, as on a road billboard announcing you’re entering the district of a town. One more scribble stands for “very attractive house”, or “desirable”. Now, what’s the point of talking to other thieves about an attractive house? It would be much more opportune if the thief kept his own secret, in order to strike once more the suitable target, without informing his competitors! Yet, what mostly rouse our suspicions is that such a relevant code – so useful to both burglars and Gypsies – get hardly in the line of an all-over spread document, long since so well known… what’s its use? Why then not to command an army at war to make use of Julius Caesar’s cipher-book? Can you ever think of a Gypsy, so naturally wary and cautious, nearly invisible, while studying a series of small, almost imperceptible, scribbles craved on an entryphone plate, or on a wall? He would be noticed as well, and his attempt would be surely thwarted. As matters stand, most of people are divided between believers and unbelievers, unless we consider a third opinion class “it’s not true, but I believe it all the same..” which leads me to draw a conclusion, that, though respectful for any other point of view, could set all agree. To prevent one’s home from being robbed, it could be convenient that you mark your own entryphone, or your boundary walls, with a ciphered Gypsy-symbol meaning “just visited!!!” or “just robbed” as you like; a suitable trick to get the Gypsy confused. He might even decide to save your property from a possible theft, but that’s just provocative, not surely the advice I am willing to give. My exhortation is that you follow the common rules of shrewdness to defend both your house as your possessions, even in the case the mentioned scribble may be truly a Gypsy code. I therefore urge you to have good terms with your neighborhood, just to take mutual advantage of any shared information and benefit as someone else looks after your property, while you’re away; but above all, don’t you ever let unknown people enter your house. This is the best cleverness symbol against any supposed Gypsy scribble!

 

Francesco Caccetta ©

Il primo progetto scientifico di Controllo di vicinato per commercianti presentato al congresso Nazionale della Società Europea di Criminologia da INWA.

“I metodi del controllo di vicinato e della sicurezza partecipata, che stanno contribuendo a ridurre sensibilmente il numero dei reati, possono essere molto utili anche per difendere i commercianti. Il metodo proposto da INWA e’ supportato da una rigorosa ricerca scientifica ed è stato presentato alla Società Europea di Criminologia. Il 1 settembre, di fronte a scienziati e ricercatori provenienti da tutto il mondo, il sistema di prevenzione del crimine dedicato ai commercianti verrà presentato a Sarajevo nel corso della Conferenza della European Society of Criminology e, dai primi di settembre, diffuso poi gratuitamente ai commercianti italiani, attraverso i membri dell’INWA autorizzati, nel corso di incontri in fase organizzativa in diverse località italiane.

Il Controllo di Vicinato finalmente a Perugia!

cropped-logo-controllo-di-vicinato2.jpgFinalmente il mio sogno di portare il CDV a Perugia si è realizzato. Adesso spero che altre Città dell’Umbria, oltre a quelle già avviate al progetto, si decidano a dare il via a questo grande programma di Sicurezza Partecipata. INWA con il supporto e la competenza di ANCDV, Associazione Nazionale Controllo di Vicinato è pronta a dare abbrivo ai progetti nella Regione. Un plauso all’amico Sindaco di Perugia Andrea Romizi per il suo impegno in difesa dei cittadini.

http://www.umbria24.it/attualita/protocollo-controllo-del-vicinato-sindaco-perugia-firma-prefettura

Aiuteresti un estraneo in difficoltà? L’effetto testimone.

e.testimone

Ketty Genovese. Le origini del cdv ancora oggetto di studio per la Psicologia.

Vi propongo questo interessante articolo trovato sul web: http://antrodichirone.com/

Francesco Caccetta

by Carmelo Pacino

Omicidi, violenze pubbliche, rapine, pestaggi, sono eventi che sentiamo quasi quotidianamente dalla cronaca, tanto che, a volte, non ci stupiscono più. In molti casi può destare scalpore che la vittima non sia riuscita a ricevere nessun tipo di aiuto dai testimoni diretti della scena di aggressione. Le norme culturali ed etiche della nostra società prevedono di aiutare chi si trova in difficoltà. Oltre a tali regole di condotta, ciò che potrebbe far crescere maggiormente il vostro disappunto, nel leggere casi analoghi di noncuranza del prossimo, sta nel vostro senso morale. Sembra inconcepibile lasciare una persona da sola in una situazione di sofferenza.

Darley e Latané, di fronte all’ennesimo caso di aggressione, hanno iniziato a studiare questo fenomeno, per scoprire tutti i fattori psicologici e situazionali che intervengono in ciò che chiamarono effetto testimone.

Nel 1964, a New York, Kitty Genovese, un giovane donna, venne aggredita ed uccisa in mezzo alla strada di fronte a 38 persone che, nonostante le urla e il sangue, non intervennero a darle soccorso. L’opinione pubblica attribuì la causa di questa inerzia “al decadimento morale e all’alienazione dell’uomo del tempo” [Darley, Latané 1968]. Gli studi di Latané e Darley, i primi ad analizzare il fenomeno, dimostrarono che erano implicati fattori di altra natura.

Essi, dopo diversi esperimenti, elaborarono il loro modello psicologico di helping behaviour (comportamento di aiuto). Si tratta di un modello stadiale, in quanto essi sostenevano che accorrere in aiuto di una persona in difficoltà fosse il risultato di un processo fatto di diverse fasi [Fischer et al., 2011]:

notare la situazione critica;
percepire la situazione come di emergenza;
sviluppare un sentimento di responsabilità personale;
prendere la decisione di agire.
I due autori individuarono tre differenti meccanismi psicologici che possono interferire con questo processo e che costituiscono i punti cardine dell’effetto testimone (Darley, & Latané, 1968):

diffusione della responsabilità: la presenza di altri testimoni ostacola lo sviluppo di un sentimento di responsabilità che viene diviso fra i presenti, facendo in modo di considerare se stessi esenti dall’intervenire. Nello specifico, quanto più il numero dei testimoni è elevato tanto meno si avvertirà un senso di responsabilità;
paura di essere giudicati: si ha paura di compiere errori o di agire in maniera inadeguata. Inoltre, si teme di essere ritenuti responsabili dell’accaduto (confusione della responsabilità), in quanto vi è la norma sociale di aiutare le persone a cui si è arrecato danno;
ignoranza collettiva: gli studi sull’influenza sociale dimostrano come in situazioni ambigue il comportamento e le reazioni altrui diventano un’importante fonte di informazioni per capire la realtà (cfr. Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, 2010). Se l’individuo non percepisce immediatamente la condizione di emergenza e si affida alla reazione degli altri, i quali, però, appaiono altrettanto confusi ed incerti e, quindi, inermi, allora si valuterà la situazione come non pericolosa e non si avrà la motivazione ad agire.
E’ stato dimostrato, inoltre, che non è necessario che siano presenti testimoni reali, in carne ed ossa, che determinino la diffusione della responsabilità, ma è sufficiente che nella mente dell’individuo si attivi il costrutto di un gruppo per inibire la presa di responsabilità in contesti di pericolo. Questo fenomeno prende il nome di “effetto testimone implicito” [Garcia, Weaver, Darley e Spence, 2009].

Gli studi dei due autori risalgono al 1968. Successivamente sono stati condotti moltissimi studi circa l’effetto testimone in diverse situazioni sperimentali, considerando diverse variabili di mediazione e di moderazione, cioè fattori che intervengono e/o rendono l’effetto testimone meno intenso o, addirittura, nullo1 [Fischer et al., 2011].

Sinteticamente, da questi studi (ibidem) è stato rilevato che:

in condizioni percepite come altamente pericolose l’effetto testimone si riduce, in quanto aumenta lo stato di attivazione interna a causa della sofferenza della vittima e la percezione dei costi e delle perdite nel caso in cui non si intervenga. L’intervento di aiuto diminuisce tale stato di tensione interna;
la presenza di testimoni può diminuire l’effetto testimone nel caso in cui si percepiscono i presenti come un aiuto nell’intervento, soprattutto quando si ha paura di subire un danno;
se gli altri vengono percepiti come aiuto, allora si può giungere ad un aiuto nel momento in cui si arriva alla conclusione che più individui possono sopraffare un criminale.
Alla luce di quanto detto, sorge spontanea una considerazione. L’omicidio di Kitty Genovese ha destato molto scalpore e molti si sono prodigati in considerazioni di natura morale, senza tenere minimamente in considerazione come molti meccanismi della nostra mente avvengano in maniera del tutto automatica, senza controllo volontario alcuno. Nonostante i progressi ottenuti dalla psicologia sociale cognitiva e dalla psicoanalisi, ancora oggi eventi di tale portata possono indurci un interrogativo spinoso. Ossia, è possibile che la conoscenza che abbiamo di noi stessi e del nostro modo di agire e porci nell’ambiente sia insufficiente?

Oltre a portarci a considerazioni di natura etica e morale, eventi del genere sarebbero da valutare con maggior consapevolezza, per poter essere concretamente attivi e impegnati a farsi portavoce di una società attenta alle necessità altrui.

In tal senso, è opportuno tenere in considerazione che, accanto ai processi automatici della nostra mente vi sono anche quelli che derivano dalla nostra volontà, ed è a quest’ultimi che dobbiamo appellarci, per costruire il senso della nostra responsabilità sociale

Note

Per una rassegna degli studi condotti sull’effetto testimone si veda Peter Fischer, Joachim I. Krueger, Tobias Greitemeyer, Claudia Vogrincic, Andreas Kastenmuller, Dieter Frey, Moritz Heene, Magdalena Wicher, Martina Kainbacher “The Bystander-Effect: A Meta-Analytic Review on Bystander Intervention in Dangerous and Non-Dangerous Emergencies”, in Psychological Bulletin 2011, Vol. 137, No. 4, 517–537, dove gli autori descrivono in maniera dettagliata gli studi condotti e i relativi risultati.

Bibliografia

B. Latané, J.M. Darley,”Group Inhibition Of Bystander Intervention In Emergencies”, in Journal at Personality and Social Psychology 1968, Vol. 10, No. 3, 215-221.

J.M. Darley, D. Batson, “”From Jerusalem To Jericho”: a study of situational and dispositional variables in helping behavior”, in Journal of Personality and Social Psychology 1973, Vol.27 , No.1 , 100-108.

J.M. Darley, B. Latané, “Bystander intervention in emergencies: diffusion of responsability”, in Journal of Personality and Social Psychology 1968, Vol. 8, No. 4, 377-383.

P. Fischer, T. Greitemeyer, F. Pollozek e D. Frey, “The unresponsive bystander: Are bystanders more responsive in dangerous emergencies?”, in European Journal of Social Psychology 36, 267–278 (2006).

Peter Fischer, Joachim I. Krueger, Tobias Greitemeyer, Claudia Vogrincic, Andreas Kastenmuller, Dieter Frey, Moritz Heene, Magdalena Wicher, Martina Kainbacher, “The Bystander-Effect: A Meta-Analytic Review on Bystander Intervention in Dangerous and Non-Dangerous Emergencies”, in Psychological Bulletin 2011, Vol. 137, No. 4, 517–537.

S. Boca, P. Bocchiaro, C. Scaffidi Abbate, Introduzione alla psicologia sociale, Mulino, Bologna, 2010.

S. Boca, C. Scaffidi Abbate (a cura di), Altruismo e comportamento prosociale. Temi e prospettive a confronto, Franco Angeli, 2011.