The Gypsy code, or Gypsies’ code

From the book: “Opportunity Suits the Thief” Francesco Caccetta, English edition 2015

l43-segni-zingari-citofoni-131016185307_medium

It’s a habit, by now: as soon as a critical economic stage gets impending, early fears are back. It is frequently noticed, as a matter of facts, that many people use to call the Police just to report about strange scribbles on a street lamp, on a tree, rather than on a wall nearby their homes. Scribbles that have nothing to do with the cyclostyled ones, filling up the web, or long since spread by parishes as leaflets, the so-called Gypsies’ code, although a so much enlarged worry pervading our communities leads to an even excessive upset. The Gypsy code, or Gypsies’ code, is quite available to find, by surfing the internet, through any picture gallery shown by a search engine –many reliable experts have dealt with this matter – and yet it really stands as an obsymorus, so that indeed we can call it a “true-lie”, fibs told as truth. Though in time these scribbles were widely shown as wrongly-connected with the Gypsies, many people, even properly worried about cyclical waves of thefts all over the country, have somehow suffered some dark charm by the questioned symbols, sometimes disregarding the common shrewdness to follow not to be robbed. In my opinion, since its wide European spread, this leaflet someway reminds us the famous pamphlet “The early wise of Zion”, lately come up again by Daniel Pipe, whose spread for ages couldn’t have been stopped, nor the wide willingness of many to behold that book as reliable. So, the spread and some willingness to believe that the mysterious leaflet showing a supposed Gypsy code could be someway reliable is likely due to some legacy which features our deepest vision of a different ethnic group. The Gypsies are known to be nomadic, hardly tied to a particular land or its people, even if their presence has all along been mixed to ours; they are bringers of mysterious, secret stories, somehow coloured with some occultism and magic, which feeds common fantasies and helps spread fears, besides a sort of discrimination sense, that however doesn’t fit any longed-for security perception. The root of this symbols is anyhow linked up with the wanderings’ language, and dates from the early 20s in the XIX century, when, because of a deep recession the number of no fixed abode people, roaming through the nations, had a conspicuous increase, and touched a considerable quantity. It’s now easy to guess why the Hobos’ language (Hobo is how the Americans used to name the vagabonds) was to hide some shared, survival code,through even a conventional alphabet, meant to inform who would come later about the possible availability of a country, or a town, or maybe a single house to be a good host, or otherwise meant to beware of a hostile place. The questioned leaflet, as turned by the Leviathan of the perceived insecurity into a Gypsies’ secret code, has probably arrived in Italy, with its odd scribbles roughly alike the symbols that still go round the web, about 40 years ago; roughly alike, except for some details lately cropped up. It’s hard to say how, but the effect was explosive: nearly all believe that code to be real, and ascribe it to the Gypsies, although an apparent lack of congruence. I defy anyone not to have ever heard a friend being sure to have noticed one of those scribbles on an entryphone, rather than on a neighbour’s boundary wall… To have helped a further spread of the questioned leaflet we ought to admit an even excessive zeal, as for some policemen, who thought, in good faith, to serve the community, by supporting somehow the authenticity of that false code. The symbols list shows anyway a certain inconsistency; I’m now going to quote a few contradictions, just to highlight how unlike they are. We can see, for instance, the symbol III (like a 3 in Roman numerals) pretending to mean “keep off this municipality”, but it seems it was carved on some entryphones, while it should have been found elsewhere, as on a road billboard announcing you’re entering the district of a town. One more scribble stands for “very attractive house”, or “desirable”. Now, what’s the point of talking to other thieves about an attractive house? It would be much more opportune if the thief kept his own secret, in order to strike once more the suitable target, without informing his competitors! Yet, what mostly rouse our suspicions is that such a relevant code – so useful to both burglars and Gypsies – get hardly in the line of an all-over spread document, long since so well known… what’s its use? Why then not to command an army at war to make use of Julius Caesar’s cipher-book? Can you ever think of a Gypsy, so naturally wary and cautious, nearly invisible, while studying a series of small, almost imperceptible, scribbles craved on an entryphone plate, or on a wall? He would be noticed as well, and his attempt would be surely thwarted. As matters stand, most of people are divided between believers and unbelievers, unless we consider a third opinion class “it’s not true, but I believe it all the same..” which leads me to draw a conclusion, that, though respectful for any other point of view, could set all agree. To prevent one’s home from being robbed, it could be convenient that you mark your own entryphone, or your boundary walls, with a ciphered Gypsy-symbol meaning “just visited!!!” or “just robbed” as you like; a suitable trick to get the Gypsy confused. He might even decide to save your property from a possible theft, but that’s just provocative, not surely the advice I am willing to give. My exhortation is that you follow the common rules of shrewdness to defend both your house as your possessions, even in the case the mentioned scribble may be truly a Gypsy code. I therefore urge you to have good terms with your neighborhood, just to take mutual advantage of any shared information and benefit as someone else looks after your property, while you’re away; but above all, don’t you ever let unknown people enter your house. This is the best cleverness symbol against any supposed Gypsy scribble!

 

Francesco Caccetta ©

Il primo progetto scientifico di Controllo di vicinato per commercianti presentato al congresso Nazionale della Società Europea di Criminologia da INWA.

“I metodi del controllo di vicinato e della sicurezza partecipata, che stanno contribuendo a ridurre sensibilmente il numero dei reati, possono essere molto utili anche per difendere i commercianti. Il metodo proposto da INWA e’ supportato da una rigorosa ricerca scientifica ed è stato presentato alla Società Europea di Criminologia. Il 1 settembre, di fronte a scienziati e ricercatori provenienti da tutto il mondo, il sistema di prevenzione del crimine dedicato ai commercianti verrà presentato a Sarajevo nel corso della Conferenza della European Society of Criminology e, dai primi di settembre, diffuso poi gratuitamente ai commercianti italiani, attraverso i membri dell’INWA autorizzati, nel corso di incontri in fase organizzativa in diverse località italiane.

Il Controllo di Vicinato finalmente a Perugia!

cropped-logo-controllo-di-vicinato2.jpgFinalmente il mio sogno di portare il CDV a Perugia si è realizzato. Adesso spero che altre Città dell’Umbria, oltre a quelle già avviate al progetto, si decidano a dare il via a questo grande programma di Sicurezza Partecipata. INWA con il supporto e la competenza di ANCDV, Associazione Nazionale Controllo di Vicinato è pronta a dare abbrivo ai progetti nella Regione. Un plauso all’amico Sindaco di Perugia Andrea Romizi per il suo impegno in difesa dei cittadini.

http://www.umbria24.it/attualita/protocollo-controllo-del-vicinato-sindaco-perugia-firma-prefettura

Pronto 112? Ho sequestrato un ladro, anzi no, l’ho arrestato.

670px-User-Completed-Image-Make-a-Citizen's-Arrest-2015.04.16-21.43.07.0

Il falso luogo comune del sequestro di persona nei confronti del ladro. 

Di Francesco Caccetta

www.ancdv.it

Pronto, Polizia? Ho sorpreso un ladro in casa e l’ho arrestato, venite a prenderlo!”

Questa è la frase che vorrebbero sentire gli operatori delle centrali operative del 112 e/o 113, invece, purtroppo, sono sempre i luoghi comuni ad averla vinta e la frase che si ascolta è un’altra: “Pronto, Polizia? Avevo sorpreso un ladro in casa, ma l’ho lasciato andare via, per non trovarmi incriminato per sequestro di persona!”

E’ incredibile come, nel nostro Paese, abbiano successo le idee consolidate a scapito dei fatti reali! Tempo fa, scrissi un articolo che riguardava i falsi segni degli zingari e, anche in quell’occasione, feci notare come degli stereotipi o delle false convinzioni, spesso assumono carattere dogmatico sostenuto con intransigenza da molte persone pur senza addurre prove.

Mi è capitato spesso di sentire cittadini raccontare episodi di persone che avevano acciuffato il ladro mentre rovistava nei cassetti della loro stanza da letto e che erano riusciti a immobilizzarlo fino all’arrivo delle forze dell’ordine, ma poi avevano passato inimmaginabili guai e torture psicologiche da parte della polizia e dei magistrati per quel gesto criminale! Il ladro li aveva denunciati per sequestro di persona e quei poveri cittadini avevano passato un mare di guai per quell’azione imprudente!

Continua a leggere l’articolo:https://www.convincere.eu/criminologia/509/meglio-un-ladro-in-casa-che-un-processo-fuori-dalla-porta

I furti di auto predittivi dei furti in appartamento. Come difendersi

ladro-auto

Francesco Caccetta.

L’esperienza delle Forze di Polizia non lascia dubbi sul fatto che vi sia una consistente correlazione tra i furti di autovetture e le conseguenti incursioni negli appartamenti da parte dei ladri. Ogni cosa ha un fine, questo è il presupposto principale che ha attanagliato le menti di alcuni filosofi greci e successivamente anche quelli cristiani, e mai come in questo caso potremmo esserne certi. I furti di autovetture insistono in tutto il corso dell’anno ed in ogni parte del territorio nazionale, con modalità e finalità diverse. Le tecnologie moderne, consistenti in dispositivi per riprogrammare le centraline o per clonare i codici criptati dei sistemi di protezione dei veicoli, hanno reso la vita più semplice al ladro di auto, diminuendo in maniera considerevole i tempi di attuazione del furto, ridotti ormai a 14 secondi rispetto ai 10 minuti degli anni ottanta. Questo permette inoltre di avere veicoli integri, senza nessun danno e con un guadagno illecito, sicuramente maggiore. Le auto vengono rubate per motivi diversi, a seconda anche delle zone dove avvengono i furti. Nelle Regioni del Sud Italia sono frequenti i furti di auto a scopo di estorsione, per indurre il proprietario a rilasciare un riscatto per riavere il proprio mezzo. Al Centro Italia scorrazzano bande dell’Est che rivendono poi le vetture intere o pezzi di ricambio, mentre al nord, vi è una maggiore organizzazione con diverse figure strutturate, che gestiscono il traffico internazionale di veicoli rubati. Queste in linea di massima le tipologie di furti di autovetture, finalizzate a introiti di tipo “commerciale” ancorché illecito, mentre un’altra categoria di ladri, che opera più o meno allo stesso modo in tutta la Nazione ha un fine più immediato e contestualizzato con i furti in appartamento, le truffe e le rapine. Le Forze dell’Ordine sanno benissimo che quando si verificano furti di veicoli di un certo tipo (BMW, AUDI, MERCEDES ecc.) spesso si tratta di predatori di appartamenti che si preparano a colpire nei territori limitrofi a dove è avvenuto il furto della macchina. La spia dei furti in appartamento è, quindi, il furto di veicoli di grossa cilindrata che serviranno ai malviventi per fare razzie nei territori garantendosi una fuga veloce con un mezzo sicuro per la loro incolumità fisica. Un veicolo potente, permette una agevole fuga da eventuali inseguimenti delle Forze di Polizia e, in caso di incidente, limitatissimi danni ai malviventi. Anche in questo caso, valgono le cinque vie per arrivare al furto, già più volte citate nei miei scritti, dove si evidenzia che i ladri, non vogliono farsi vedere, non vogliono farsi prendere, non vogliono farsi male, non vogliono faticare né perdere tempo. In questo caso, il furto del veicolo avverrà soltanto se la vittima lo permetterà, eludendo le norme basilari di prevenzione furti. Molte persone, pensano che le loro azioni siano esclusivamente finalizzate ai propri interessi, senza rendersi conto che, in realtà, non siamo assolutamente padroni esclusivi del nostro agire. Lasciare il veicolo con le chiavi inserite ed in moto, pensando di impegnare pochissimo tempo nella commissione che ci si accinge a fare, è un errore madornale. Scendere, per esempio dalla macchina per andare a prendere un caffè, o acquistare un pacchetto di sigarette, oppure semplicemente portare il proprio figlio all’entrata della scuola, potrebbe ingannare il proprietario del veicolo circa i tempi supposti per quella azione. I ladri sanno benissimo che è facile trovare veicoli incustoditi, anche se per pochi minuti, all’esterno dei bar, delle scuole, vicino alle edicole ecc. Sanno perfettamente che numerosi cittadini pensano di impiegare pochissimo tempo per le loro estemporanee commissioni e che, per questo, si fidano a lasciare la propria macchina in moto e incustodita. Questi sono i momenti nei quali i predatori approfittano di questa ingenuità per impossessarsi del veicolo in questione. Pochissimi delinquenti, si ingegnerebbero nel rompere un cristallo per poi entrare nel veicolo e collegare i fili per metterlo in modo, confidando nel fatto che è molto più semplice attendere qualche minuto vicino agli obiettivi sopra elencati e commettere un veloce e senza rischi. I furti di autovetture, perpetrati in questo modo, rendono molto meno visibile il veicolo rubato agli occhi delle forze dell’ordine, poiché a prima vista, non mostrando segni di effrazione potrebbe passare inosservato, garantendo più tempo e anonimato ai ladri di turno. Inoltre, i delinquenti che utilizzeranno quella macchina per commettere reati predatori in appartamento, potrebbero passare inosservati anche agli occhi dei cittadini poiché non presentando anomalie visibili (rotture dei cristalli o delle serrature) non metterebbero nessuno in allarme. Le autovetture rubate in questo modo spesso avvantaggiano i ladri di appartamento, i quali utilizzeranno quel veicolo per compiere una serie di furti nei territori limitrofi, salvo poi abbandonare il mezzo alla fine dell’esigenza, o venderlo ad altri soggetti che ne cureranno la successiva alienazione (vendita all’estero o come pezzi di ricambio). Di solito, quindi, i furti di autovetture di grossa cilindrata e di recente costruzione, possono essere indicativi di imminenti raid in appartamento da parte dei ladri nei territori limitrofi a quello in cui il veicolo è stato rubato. Non lasciamo mai le nostre macchine incustodite e con le chiavi all’interno (tra l’altro sanzionabile dal codice della strada) e non ci fidiamo mai di un’autovettura apparentemente “pulita” per distogliere le nostre percezioni, qualora dovessimo notarla con sospetto nel nostro territorio. Prendere la targa e fare una segnalazione al 112 potrebbe salvare voi stessi e gli altri vicini da un furto in appartamento. L’occasione fa bene al ladro (cit. Caccetta) non dimenticatelo mai!

 

 

INWA: 1° Congresso dell’Associazione Italiana Controllo di Vicinato Il 1° Congresso INWA presenta il programma dell’Associazione Italiana Controllo di Vicinato per migliorare libertà e sicurezza.

Il 1° Congresso INWA presenta il programma dell’Associazione Italiana Controllo di Vicinato per migliorare libertà e sicurezza.

https://it.blastingnews.com/cronaca/2018/06/inwa-1-congresso-dellassociazione-italiana-controllo-di-vicinato-002641295.html